ALESSANDRO TIROTTA – basso

 

Alessandro Tirottacantante lirico e direttore d’orchestra, intraprende gli studi musicali a quattro anni diplomandosi in violino in giovane età e perfezionandosi con F. Manara (primo violino del Teatro alla Scala). Come cantante si forma sotto la guida del padre, M° Gaetano Tirotta; in seguito segue corsi tenuti da Enzo Dara, Luciana Serra, Ugo Benelli. Svolge intensa attività concertistica presso numerosi Teatri, Enti lirici e prestigiose Sale da Concerto in Italia e all’estero, diretto tra gli altri da R. Muti, D. Oren, M. Arena, D. Renzetti, A. Licata, N. Luisotti, Niels Muus ecc. Dopo il debutto come Don Geronimo ne Il Matrimonio Segreto di D. Cimarosa al Teatro Modena di Genova, vincitore di concorsi internazionali e nazionali, canta in numerosi Teatri e Festival, tra cui ricordiamo: Teatro “Bellini” di Catania, Teatro Bunka Kaikan di Tokyo, Sferisterio di Macerata, Teatro “Nuovo” di Spoleto, Festival Biennale di Venezia, Teatro “Morlacchi” di Perugia, Teatro “Cilea” di Reggio Calabria, Teatro “Bibiena” di Mantova, Teatro “Vittorio Emanuele” di Messina, Teatro “Mancinelli” di Orvieto ecc. Interpreta Don Bartolo ne Il Barbiere di Siviglia di G. Paisiello, Don Basilio ne Il Barbiere di Siviglia di G. Rossini, Leporello in Don Giovanni e Papageno ne Il Flauto Magico di W. A. Mozart, Colline ne La Boheme di G. Puccini (ruolo interpretato in una decina tra i più prestigiosi Teatri del Giappone, tra i quali, oltre al già menzionato di Tokyo, ricordiamo l’Act City di Hamamatsu, Bunka Hall di Kobe, Aubade Hall di Toyama), il Dottore ne La Traviata di G. Verdi, Colas in Bastiano e Bastiana di W. A. Mozart, Don Chilone in Erighetta e Don Chilone di L. Vinci.

È interprete di numerose Messe ed Oratori di gran repertorio, tra cui anche la Petite Messe Solennelle di G. Rossini e il Requiem KV626 di W. A. Mozart. Partecipa come solista alla Settimana di Musica Sacra a Gozo, per le festività di San Giorgio, accompagnato in numerose esecuzioni dalla National Philarmonic Orchestra di Malta.
È Il Maestro di Cappella di D. Cimarosa nella duplice veste di direttore e cantante. Nel repertorio moderno è stato interprete nel ruolo protagonista delle prime assolute de La Baronessa di Carini (Don Cesare Lanza) e Empedocle il carceriere del vento (Pausania) di A. Fortunato, rappresentate presso il Teatro della Valle dei Templi di Agrigento e ancora a Palermo, Catania e Marsala. È il protagonista dell’opera in prima assoluta O-X-A (Orlando/Arlecchino) di A. Cortese rappresentata a Venezia.
Tra i registi con cui ha lavorato ricordiamo H. Brockhaus, E. Dara, S. Vizioli, L. Codignola, M. De Carlo ecc.
Per la direzione d’orchestra si forma con B. Aprea, D. Renzetti, I. Karabtchevsky e K. Morski e per la composizione e analisi musicale con R. W. Mann.
È laureato in Musicologia presso l’Università di Roma Tor Vergata. E’ autore del libro edito dalla Calzone editore: “Voce di basso e baritono: uso drammatico ed evoluzione nelle opere della maturità di Verdi – da Rigoletto a Don Carlos”.

È in uscita (data prevista febbraio 2017) il suo CD prodotto dalla Naxos (Capriccio records) con romanze di V. Bellini, G. Donizetti e F. P. Tosti.

tasto foto2tasto repertoriotasto MEDIAtasto-eventi

I commenti sono chiusi